s frutta scuole


FRUTTA NELLE SCUOLE

Il Reg. (CE) n. 288/09 del 7 aprile 2009, stabilisce le modalità d'applicazione dell'art. 23 del Reg. (UE) n. 1308/2013 relativamente alla concessione di aiuti comunitari sia per la distribuzione di prodotti ortofrutticoli, freschi o trasformati e delle banane ai bambini negli istituti scolastici, sia per taluni costi correlati inerenti alla logistica ed alla distribuzione, all'attrezzatura, alla pubblicità, al monitoraggio, alla valutazione, ed alle Misure di Accompagnamento nell'ambito del Programma “Frutta nelle scuole”.

Gli Stati Membri dell'Unione Europea possono accedere ai finanziamenti previsti cofinanziando il Programma, la cui definizione avviene mediante l'elaborazione di una Strategia Nazionale che indichi: il bilancio delle risorse destinate al Programma, di provenienza comunitaria e nazionale; la sua durata; il gruppo bersaglio; i prodotti ammissibili; le modalità di partecipazione; le specifiche Misure di Accompagnamento finalizzate ad elevare l'efficacia del Programma.

Il MIPAAF, recependo il dettato normativo comunitario, emana annualmente la Strategia Nazionale, nel quale sono descritte le finalità del Programma realizzato dal MIPAAF in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca (MIUR), con il Ministero della Salute e con le Regioni e Provincie Autonome. Il Programma persegue l’obiettivo di incentivare il consumo di frutta e verdura tra i bambini in età scolare dai sei agli undici anni (Gruppo Bersaglio) che frequentano la Scuola Primaria; offrire ai bambini più occasioni ripetute nel tempo per conoscere e “verificare concretamente” prodotti naturali diversi in varietà e tipologia, per sviluppare una capacità di scelta consapevole; avvicinare i bambini ad un consumo consapevole di prodotti di qualità certificata (biologico, DOP/IGP, Produzione Integrata).

L'articolo 13 del Reg. (CE) 288/2009 indica che lo Stato membro, al fine di garantire la corretta applicazione del dettato normativo di riferimento, adotti tutte le misure necessarie e, in particolare, preveda la verifica amministrativa completa su tutte le Domande d'aiuto e comprenda il
controllo dei documenti giustificativi relativi alla consegna dei prodotti.

Agecontrol, su incarico dell'Organismo Pagatore AGEA, assicura l'attuazione dei controlli previsti dalla Normativa che regola il Programma Frutta nelle Scuole – nel rispetto dei termini stabiliti dal Regolamento, per verificare la corretta esecuzione del Programma.

I controlli in parola sono stati articolati negli interventi di seguito descritti:

  • Controlli inopinati presso un campione di scuole per la verifica tecnico qualitativa del prodotto distribuito, delle modalità di distribuzione assistita e per la verifica delle misure di accompagnamento realizzate,
  • Controlli inopinati presso stabilimenti di confezionamento dei prodotti per la verifica tecnico qualitativa del prodotto condizionato in conformità al Reg. (UE) n. 543/2011 e alle prescrizioni del Disciplinare Tecnico. In tale ambito vengono prelevati campioni di prodotto confezionato per la distribuzione agli allievi della scuole primaria, che vengono analizzati presso laboratori pubblici accreditati per la verifica del rispetto dei limiti di legge per i residui di prodotti fitosanitari e sulla presenza di agenti patogeni;
  • Controlli tecnico – contabili presso gli Aggiudicatari per la verifica dell’ammissibilità delle spese sostenute, quietanzate e portate a rendiconto per ciascuna Domanda di Pagamento.

Gli esiti delle verifiche, riepilogati in appositi rapporti, vengono inoltrati ad AGEA per le determinazioni di competenza.

 

 


CLIENT BROWSER: (na)
USER_AGENT: CCBot/2.0 (http://commoncrawl.org/faq/)
CLIENT_IP: 54.161.108.158